Museo del Paesaggio del Lago di Como

Visite Guidate alla Collezione “Ruggero Pini”


Da quest’anno il Museo del Paesaggio del Lago di Como si arricchisce di una nuova sezione che si aggiunge alla collezione di stampe storiche del Lario e al sistema multimediale tavoli interattivi.


Nelle sale del museo infatti, è stata recentemente allestita, a cura di Guglielmo Invernizzi, una raccolta di fotografie provenienti dalla collezione di Ruggero Pini, concesse in comodato dalla moglie Anna Morelli al Comune di Tremezzina.

Queste immagini costituiscono solo una piccola porzione della sua vasta collezione che comprende almeno 3000 esemplari di immagini iconografiche del territorio del Lago Como. Ruggero Pini (1952 – 2020),  nato a Mezzegra, è stato infatti un importante collezionista di stampe, disegni e cartografia antica ma anche un grande conoscitore del territorio lariano e della sua storia. È stato relatore a convegni e conferenze collaborando alla realizzazione di libri e mostre.

Ha pubblicato nel 2005 il libro Mezzegra, Lago di Como: una storia, tante storie, nel 2011 il volume Paesaggi lariani nel 1930, nella collana dei quaderni della Biblioteca Comunale “Vittorio Antonini” di Lenno e infine nel 2018  La memoria dello  sguardo, storia della fotografia nelle province di Como, Lecco, Sondrio e Varese 1839 – 1930, frutto di un lavoro di ricerca durato circa trenta anni.

La collocazione di parte della sua collezione all’interno del Museo del Paesaggio è la naturale conclusione di un percorso avviato alcuni anni fa con il progetto iniziale del museo, a cui  Ruggero Pini aveva aderito, e rappresenta un segno duraturo, e pubblico, del prezioso legame di reciproco riconoscimento tra uno studioso, il suo territorio e la sua comunità. Le immagini fotografiche esposte nelle sale del museo, selezionate in base a criteri di omogeneità per dimensione, tecnica e datazione, costituiscono una preziosa integrazione della raccolta di stampe e offrono la possibilità di leggere in continuità l’evoluzione del paesaggio attraverso un nuovo strumento di rappresentazione, diffuso a partire dalla seconda metà del XIX secolo.

Le fotografie illustrano diverse località (Como, Cernobbio, Moltrasio, Laglio, Argegno, Tremezzina, Griante, Menaggio, Bellagio, Corenno Plinio, Varenna, Mandello del Lario, Lecco) e ville (Villa d’Este, Villa Carlotta, Villa del Balbianello, Villa Melzi, Villa Monastero), alcune delle quali ampiamente riconosciute come mete del turismo internazionale e frequentemente ritratte anche nelle stampe.

Si tratta prevalentemente di stampe all’albumina, realizzate nella seconda metà del XIX secolo e nei primi anni del XX secolo, periodo in cui si avviano
alcuni processi di trasformazione che hanno modificato il paesaggio del lago come ad esempio la costruzione dei nuovi pontili e delle passeggiate lungolago oppure l’edificazione dei grandi alberghi.

Per promuovere questa nuova sezione il Museo del Paesaggio organizza un calendario di visite guidate nel corso delle quali sarà possibile confrontare le splendide immagini fotografiche della collezione Ruggero Pini con le affascinanti stampe antiche, osservando l’evoluzione del paesaggio lariano nel corso del tempo.

Le visite guidate sono comprese nel prezzo del biglietto di ingresso al museo. Le date previste per le visite sono:

  • Venerdì 22 luglio alle ore 17;
  • Venerdì 29 luglio alle ore 17;
  • Venerdì 16 settembre alle ore 17;
  • Venerdì 23 settembre alle ore 17.

Per partecipare alle visite guidate è necessario prenotarsi scrivendo all’indirizzo mail museodelpaesaggio@comune.tremezzina.co.it o chiamando il numero +39 0344533023.

Il Museo del Paesaggio si trova in via Regina 22 a Tremezzina, località Tremezzo, ed è aperto dal giovedì alla domenica con i seguenti orari:

10,00-12,00 14,00-18,00.

SCARICA LOCANDINA