Alcune facili, adatte anche ai più piccoli. Altre più impegnative, per gambe allenate. In sella per scoprire alcune piste ciclabili del territorio del Lago di Como.

Il profumo del vento, il fruscio delle ruote che sfrecciano, paesaggi incontaminati che corrono silenziosi mentre il tramonto allaga un cielo fiammeggiante. Nel nostro territorio corrono piste ciclabili che consentono di vivere il lago e la montagna lungo vecchie tranvie, antiche linee ferroviarie, immerse nella natura o incastonate tra laghi.

Sentiero Valsassina

pista ciclopedonale Valsassina

L’incedere della propria bicicletta e il mormorio del Pioverna. La bellezza di questo percorso che scivola, dal centro di Barzio fino a Taceno, scaturisce dalla presenza di una natura incontaminata. Il sentiero totalmente asfaltato (adatto anche a passeggini e sedie a rotelle), offre dei panorami fantastici, dalle Grigne, allo Zuccone Campelli, al Legnone. Immersa nel verde, lontano dalla strada, costeggia quasi tutto il torrente Pioverna, passa in mezzo ai prati e vicino alla roccia, su ponticelli; si trovano aree di ristoro, tavoloni per picnic, agriturismi, minigolf. Nel corso dell’itinerario incontrerete una bella cascata che si trova a circa 2 km dalla partenza, dal parcheggio della Sagra delle sagre.
Si possono noleggiare le bici vicino al minigolf. Se non avete intenzione di percorrere l’intero sentiero, potrete accedervi tramite i diversi punti di collegamento o raggiungendo uno dei ponti che attraversano il fiume.

Pista Ciclabile dell’Adda

La Ciclabile dell’Adda che corre lungo le alzaie del fiume caro a Leonardo, unendo Lecco a Crespi d’Adda, transitando sulla ciclabile del lago di Garlate ed Olginate. Scorrevole, immersa nel verde, pochi passaggi problematici e un panorama mozzafiato sia dal punto di vista ambientale che delle bellezze architettoniche presenti, il percorso leonardesco su tutti. L’impatto è dei migliori: strada sterrata larga, adatta a una doppia fila e un leggerissimo dislivello a salire, impercettibile anche per i meno allenati, soleggiata in qualche tratto, offre la possibilità di fermarsi per un picnic, oppure per gettare la lenza nel fiume. È possibile attraversare l’Adda sia sul ponte Azzone Visconti a Lecco che più a sud percorrendo il ponte in prossimità di via Giuseppe Mazzini nel comune di Calolziocorte. In entrambi i casi si giunge a Olginate dove, al termine di via Lungolago, imbocchiamo la pista ciclabile che si inoltra tra i boschi fino a Brivio. Tante sono le attrazioni e le vedute panoramiche che caratterizzano il percorso. Tra queste il traghetto leonardesco ancora funzionante ad Imbersago, il famoso ponte di ferro di Paderno, la storica centrale idroelettrica Esterle e il Santuario della Madonna della Sassella a Porto d’Adda, l’ecomuseo e la partenza del naviglio.

pista ciclopedonale

Condividi su