L’ARTE È UN’ESPRESSIONE CREATIVA DELLA MENTE UMANA CHE DESCRIVE IL MONDO ED È LA TESTIMONIANZA DELLA VITA ASSOCIATA DEGLI UOMINI.

Il lago di Como ed il suo territorio sono uno scrigno d’arte, natura e cultura. Il territorio custodisce monumenti straordinari, piccoli tesori artistici di singolare bellezza, importanti testimonianze storiche e culturali incastonate tra colli, montagne, paesaggi di pianura, fiumi e laghi in una continuità armonica e suggestiva.
Splendide e raffinate ville immerse in parchi secolari, antichi insediamenti, fortificazioni e baluardi, tracce di cultura e di storia che si ritrovano in musei dedicati e, grazie a itinerari a tema, portano alla scoperta di famosi scrittori e personaggi illustri.
Numerosi nei secoli personaggi divenuti famosi nel campo scientifico, umanistico e artistico nati o vissuti sulle rive del lago di Como. I vari paesaggi che si susseguono risalendo i laghi o le verdi vallate hanno ispirato numerose pagine di molti scrittori che spesso trovarono in queste terre una seconda patria, una fonte d’ispirazione.
Da Plinio il Vecchio a Plinio il Giovane, grandi letterati e naturalisti romani celebrati anche sulla facciata del Duomo, da Alessandro Volta, fisico ed inventore della pila, a cui sono dedicati un museo ed il Tempio Voltiano a Pietro Vassena, da Martino Anzi, botanico e pioniere dell’alpinismo, a Cosima Liszt, figlia di Franz Liszt e moglie di Richard Wagner, da Alessandro Manzoni con il suo rivoluzionario “Promessi sposi”, a Stendhal e Giuseppe Parini, da Canova ad Antonio Stoppani, innovatore della geologia italiana, da Giuseppe Terragni e  Giuseppe Bovara, architetti che rivelano i valori spirituali di tutte le genti, da Antonio Ghislanzoni, scrittore e librettista di opere di Verdi e altri grandi della musica, da Giovan Battista Todeschini, pittore dalle vedute reali a Carlo Pizzi, pittore paesaggista, che hanno dato a questi luoghi una propria identità̀ artistica e dignità letteraria riconosciuta in tutto il mondo. Numerosi i monumenti degni di nota: piccoli edifici medievali, frequentati santuari, fastose dimore e ville sei-settecentesche.
Di grande interesse artistico e culturale gli itinerari religiosi, che accanto ai luoghi più rilevanti, offrono siti poco noti ma di straordinario fascino.

arte & cultura

 

Condividi su