Casa del cieco Civate

Le origini della chiesa di S.Calocero, che insieme alla basilica di S. Pietro al Monte costituiva un unico complesso monastico benedettino, sembrano risalire al IX secolo.

La Casa del Cieco è un vasto complesso di origine medievale, costituito dalla Basilica di San Calocero con la sottostante bellissima cripta, il grande ed elegante chiostro, e un corpo che si apre verso il lago che si presenta in veste settecentesca. Nel 1018 la chiesa risulta intitolata al Santo ma è sostanzialmente intorno al 1050 che venne edificata l’odierna basilica romanica a tre navate absidate e con copertura a capriate.
Nel XVI secolo subentrarono gli olivetani cui si deve la costruzione del chiostro ma anche la trasformazione della chiesa che infatti si presenta oggi in veste barocca. Fu gettata una nuova volta più bassa della precedente e in tal modo furono occultati i notevoli affreschi che correvano nella parte alta della navata originaria. Se ne può vedere ora solamente la parte inferiore. Intatta è invece la cripta, recentemente restaurata. Il corpo settecentesco, tuttora esistente, presenta un lungo porticato a colonne, chiuso da vetrate, e preceduto da un piccolo giardino. Negli anni ’30 del secolo scorso il lecchese mons. Gilardi acquistò l’antico monastero per farne la sede della Casa del Cieco per l’accoglienza ai ciechi della Guerra 15-18. La destinazione attuale è ancora la medesima, ma in più è divenuta casa d’accoglienza per anziani.

Da maggio 2014 è stato inaugurato un percorso sopraelevato che consente di vedere da vicino gli affreschi romanici presenti nel sottotetto della chiesa.

Condividi su

Casa del cieco Civate ultima modifica: 2018-05-28T17:01:54+00:00 da Admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.