20° Compleanno per il triathlon sprint di Lecco

Finale sotto un autentico diluvio per la 20ᵃ edizione del Triathlon Sprint Città di Lecco, andata in scena la prima domenica di luglio.

Al via 450 atleti, suddivisi in quattro diversi batterie, pronti a sfidare le difficoltà della gara e, per gli ultimi partiti, anche la pioggia. Le prime due batterie maschili e quella femminile hanno potuto gareggiare all’asciutto, mentre in quella decisiva, con tutti i big maschili, il maltempo ha fatto la sua comparsa rendendo difficile soprattutto la parte di gara in bicicletta.

La gara proponeva una prima frazione a nuoto di 750 metri nelle acque del Lario, con partenza dai gradini di fronte al monumento ai Caduti Lecchesi e uscita dall’acqua di fianco alla piattaforma galleggiante. La seconda frazione ciclistica era composta da 20 km su un circuito di 5 da ripetere quattro volte, il tutto sul lungolago e nel centro storico cittadino. Infine, la frazione podistica di 5 km, disegnata su un anello da ripetere due volte, completamente pianeggiante e con passaggio sul ponte Kennedy per raggiungere il traguardo situato nei giardini sul lungolago lecchese.

A vincere sotto la forte pioggia è stato Samuele Angelini, atleta delle Forze dell’Ordine, che ha fermato il cronometro a 52’57”. Valerio Patanè del Cus Propatria Milano si è assicurato il 2° posto tagliando il traguardo in 53’29”, mentre in terza posizione ecco Michele Bonacina, atleta di Dolzago classe ’96 del Valdigne Triathlon, in 53’42”.

La gara femminile è andata alla giovane Angelica Prestia del team Raschiani Triathlon, nata nel 2002 e vincitrice in 58’53”. Sul podio con lei due sue compagne di squadra, vale a dire Paola Sacchi, seconda in 59’35” e Chiara Magni, terza in 1h02’35”.

A organizzare l’evento è stata ancora una volta la società Spartacus TriLecco del presidente Renzo Straniero. «Ringraziamo la nuova amministrazione del Comune di Lecco con cui abbiamo collaborato per la prima volta – spiega Straniero –. Riuscire a far chiudere le strade per una gara non è mai cosa facile e per questo li ringraziamo, insieme a tutte le persone che ci hanno dato una mano nonostante le difficili condizioni meteo nella parte conclusiva».

Edizione 2021 coincisa con la ricorrenza dei 20 anni: «Questa gara è dedicata alla memoria del nostro atleta Matteo Rigamonti, morto a soli 25 anni. Proprio per onorarlo abbiamo iniziato 20 anni fa la nostra attività organizzativa che ci ha portato poi a crescere e farci conoscere in tutta Italia» spiega il presidente della Spartacus TriLecco

Condividi su