“EL CUNTA MINGA QUEL CHE SE GÀ, EL CUNTA PUSÈ QUEL CHE SE FA”.

La verde Brianza, il cui territorio potrebbe essere definito un triangolo tra Como, Lecco e Monza, è la terra dei laghi Briantei che si estende fino a Garlate e Olginate del lago di Como.
È un’area ricca di colline, paesaggi stupendi e, benché non siano formalmente sotto un ente territoriale riconosciuto, le aree della Brianza hanno molte cose in comune e questo ha contribuito a creare un marcato senso di appartenenza tra i suoi abitanti.
La Brianza è una delle zone economicamente più avanzate e densamente abitate d’Italia. Protagonista della Seconda Rivoluzione Industriale, secondo alcuni studiosi, è addirittura una delle regioni più produttive del continente europeo.
Tutto questo è stato pagato ad un prezzo certamente elevato: tra il 1900 e il 2000 molte aree sono state deturpate, inquinate e distrutte per far spazio ad industrie, fabbriche e nuovi centri abitati.
Tuttavia negli ultimi decenni sono stati istituiti molti parchi e riserve naturali, aree protette e sono stati avviati lavori di bonifica e di recupero tutt’ora in opera.
Infatti, soprattutto l’alta Brianza, è ricca di numerose ville di nobili milanesi in cui ospitarono anche personaggi di fama nazionale ed internazionale: poeti, scrittori e pittori, invitati proprio in queste regge circondate da enormi parchi, cantarono e rappresentarono le bellezze naturali e paesaggistiche della Brianza in opere famosissime.